© Iago Corazza | iago@iago.com | P.IVA 03177341207
Gestisci cookie

Isole Banks

Il suono dell'acqua

Pare che l’origine storica di questa pratica, relativamente recente, derivi da una donna nata nell’interno dell’isola che, trasferitasi poi sulla costa, iniziò a riprodurre i suoni del mare che non conosceva, come la risacca, le onde, il vento.

In questo modo iniziò e si diffuse una pratica musicale collettiva, fin da subito apprezzata dalla popolazione locale. Questo creò un nuovo senso di appartenenza e di identità, tutto al femminile.

Le loro bocche simulano suoni di pesci e di delfini, ottenuti soffiando sopra e sotto la superficie dell’acqua. Il rosso degli ibiscus che portano tra i capelli, spicca tra le gocce verdi e sullo sfondo scuro della foresta pluviale.

L’idea di  suonare l’oceano ci è subito apparsa come una pratica di grande bellezza perfettamente in sintonia con questo angolo di mondo, e la melodia ottenuta in questo modo ci è sembrata veramente diversa da tutta la musica da noi ascoltata in precedenza.

Puoi trovare la versione integrale di questo reportage su:

OASIS – Rivista di cultura ambientale – n. 206
Isole ed Etnie sconosciute dell’oceano Pacifico – volume edito da White Star – National Geographic
Proiezione – Incontro “Isole ed Etnie sconosciute dell’oceano Pacifico”

Puoi controllare se la presentazione di questo reportage è programmata sul nostro CALENDARIO PROIEZIONI